Diversi sono i modi per impiegare la perlite espansa – ovvero una preziosa roccia di origine vulcanica – nell’edilizia. Vediamo qui di seguito le caratteristiche, gli ambiti e i vantaggi di questa applicazione.

Cos’è la perlite espansa e come viene impiegata

Roccia di origine vulcanica, la perlite espansa incrementa fino a 20 volte il proprio volume quando viene sottoposta ad elevate temperature (tra gli 800 e i 1.000°C). L’espansione è dovuta al rilascio e all’evaporazione dell’acqua presente nella massa, quindi alla successiva formazione di microcavità capaci di rendere la perlite estremamente leggera e con un alto potere isolante.

Tale materiale, dunque, può vantare di essere:

  • Termoisolante, per merito della sua bassa conduttività;
  • Leggero, traspirante e impermeabile, grazie alla contemporanea presenza di cavità a poro chiuso e a poro aperto;
  • Inerte e incombustibile.
  • Naturale.

In virtù di tutte le caratteristiche sopra descritte, la perlite si rivela davvero un bene versatile, impiegabile sia nelle intercapedini (qui fornita in sacchi e da applicare sfusa), sia come supporto alla posa delle impermeabilizzazioni (qui in pannelli), sia per la realizzazione di sottofondi e massetti (qui miscelata con acqua e calce).

Nonostante in natura la roccia in questione si presenti in diversi colori, la relativa lavorazione rende essa solo ed esclusivamente bianca.

Quali parti della casa si possono isolare con la perlite espansa?

Come già anticipato, l’estrema versatilità del materiale rende esso particolarmente poliedrico e impiegabile in diversi modi.

La casa potrà infatti beneficiare di questa roccia, ad esempio, presso le proprie intercapedini di pareti perimetrali e solai, ove sarà preferibile riporre la perlite espansa in sacchi al fine di ottenere anche l’isolamento acustico.

La perlite in carica granulare isolata impastata con acqua e calce idraulica sarà invece necessaria per il composto cementizio di sottofondi e massetti continui, mentre il materiale sciolto isolante a secco potrà essere impiegato per gli intonaci con resistenza al fuoco, per strati di compensazione e nelle intercapedini tra le travi portanti della copertura.

I vantaggi della perlite espansa per l’isolamento termico

La perlite corrisponde a un materiale che gode di una davvero bassa conduttività termica, principalmente grazie alla presenza di numerosi vuoti nella struttura porosa del materiale. Il tutto coniugato anche con la capacità di assorbimento del rumore e con la resistenza al fuoco. Questi suoi vantaggi fanno eco al fatto che tale roccia sia in grado di lavorare ad ogni temperatura e che eventuali sbalzi termici non ne riducono l’efficacia.

Richiedi una consulenza gratuita per avere maggiori informazioni

Call Now ButtonChiama Ora