Per ponte termico è generalmente intesa una discontinuità costruttiva presente presso l’involucro di un qualsivoglia edificio. Qualsiasi cambiamento di direzione o di stratigrafia concorre alla presenza di un ponte termico, come è tipico in quei muri composti da diversi materiali, che agevolerà dunque la dispersione del calore o la dispersione del raffrescamento presente all’interno dell’abitazione. Al fine di evitare questa problematica sarà dunque necessario ricorrere ad opere specifiche, quali i cappotti interni o i cappotti esterni.

Cosa si intende con “ponti termici”

Il ponte termico definisce quella porzione di involucro dell’edificio in cui la resistenza termica è nettamente inferiore a quanto sia previsto. Ciò è la causa principale della dispersione di calore, della formazione di condensa e, inoltre, della formazione di muffe. Avere un ponte termico in casa costituisce dunque un grosso grattacapo per gli inquilini, ragion per cui è bene correre ai ripari!

Quali rischi per la tua casa?

La parete protagonista di questo ponte termico si rivelerà ad alto rischio di muffe, distacchi d’intonaco, disgregazione degli elementi strutturali. Queste conseguenze negative innescano un circolo vizioso, per via del quale il ponte termico si amplierà maggiormente. In corrispondenza delle intersezioni tra le pareti perimetrali e il solaio, dei pilastri d’angolo, dell’attacco dei serramenti è particolarmente probabile che si verifichino questi difetti costruttivi, che nel tempo renderanno sempre meno efficienti sotto il profilo energetico i locali da riscaldare o raffreddare, oltre che sempre più umidi e dunque negativi anche per la salute degli inquilini.

COME EVITARE O ELIMINARE UN PONTE TERMICO

Innanzitutto è bene precisare che, se doveste ravvisare la presenza di piccoli punti neri sulla superficie di una parete, sarà opportuno contattare un consulente poiché il ponte termico è già attivo da tempo. Se verrà confermata la presenza del ponte termico, allora non bisognerà fare altro che eliminarlo.

I rimedi per intervenire su un ponte termico sono due, uno di carattere preventivo e uno di carattere correttivo:

  • I rimedi preventivi, i quali partono dall’analisi di tutto l’edificio e, secondo le caratteristiche dei vari elementi strutturali e al rinvenimento di eventuali indizi strutturali che facciano sospettare circa l’esistenza di ponti termici, finiscono con la progettazione di opere di lavori volti a rimuovere le potenziali fonti di danno prima che ci siano le reali conseguenze.
  • I rimedi correttivi, che intervengono sui ponti termici a danni ormai effettuati e che, dunque, si rivelano più costosi, più faticosi nella rimozione ed anche evitabili.

I rimedi più utilizzati consistono negli interventi di coibentazione con cappotto termico, in grado di isolare fisicamente la struttura, o, in alternativa, nell’applicazione di intonaco antimuffa.

Richiedi una consulenza gratuita per avere maggiori informazioni

Call Now ButtonChiama Ora